Viaggio nel mondo del fumo lento di un fumatore di sigari

          
Viaggio nel mondo del fumo lento, diario di bordo di un fumatore di sigari

Io e il sigaro

Diario di bordo di un fumatore di sigari

Non molto tempo fa, ho letto, e non ricordo dove e chi lo scrisse, ma sto indagando, che un uomo ricorda solo due date nella sua vita: il suo primo amore, e il primo sigaro fumato.
Trovato: "There are two things a man never forgets – his first love and his first cigar – John Bain"

Si tratta di una di quelle frasi dette da personaggi celebri, che ovviamente vanno lette con la giusta ironia, non sono dogmi.
Tuttavia spesso sono frasi con buoni concetti, che fanno riflettere.
Io queste due date le ricordo entrambe e me le porto sempre appresso nella mia memoria.

Quando e perché ho iniziato a fumare il sigaro

Ho iniziato a fumare il sigaro il 15 giugno del 2018, dieci anni dopo avere definitivamente smesso con le sigarette che ho fumato per circa 28 anni (Marlboro e Camel senza filtro).

Quando, dopo diversi tentativi, sono finalmente riuscito a smettere di fumare le sigarette, sono stato molto contento, perché era diventata una cosa quasi compulsiva il voler fumare.

Per dieci anni mi sono schiarito le idee, oltre i polmoni, e lo scorso anno, dopo un periodo di vicissitudini varie, avevo proprio voglia di farmi un regalo.

Magari assaporare il gusto del tabacco dopo un lauto pranzo, o una buona cena, ovviamente dopo il caffè; ma non mi andrebbe più di inspirare il fumo, nella maniera più assoluta.

Aspirare. Degustare. Soffiare fuori il fumo. Meditare. Godermi il momento, pensarci sopra.
Tutto qua.
Il che non è poco.

Per questo ho deciso di provare con il sigaro, e prima di cominciare, mi sono documentato un po', e devo dire che su internet si trova, anche in questo caso, ottimo materiale, e in abbondanza.

Il mio viaggio nel mondo del fumo lento è iniziato nel 2018, anche se, a ben pensarci, è cominciato prima.

Il mio primo sigaro in assoluto fu tanti anni fa

Il primo sigaro che ho provato, avevo 22 anni, ed è stato il sigaro più buono in assoluto che io abbia mai fumato, perché legato ad un preciso momento storico della mia vita, di più, ad un preciso frangente.

Un sigaro che mi era stato regalato in Spagna qualche mese prima, un parejo, di lunghezza discreta e dal cepo piuttosto generoso.

Non ho mai saputo di che marca fosse, non ricordo nemmeno se fosse presente l'anilla e se, semmai l'abbia letta, non l'ho mai memorizzata.

Sebbene abbia iniziato a fumare il sigaro regolarmente solo molti anni dopo, quella fumata non l'ho mai dimenticata. -:)

Non sono bravo a snocciolare cose del tipo: sentori di cacao, punte speziate, pepe nero, etc.

Anch'io ovviamente sento il gusto olfattivo al naso, e gustativo al palato di quanto fumo, ma recensioni così impegnative le lascio, come giusto che sia, a fumatori più esperti e dalla comprovata passione.

A presto -:)

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it dai il tuo contributo.
PayPal.me af1it

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi dare un contributo, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!